Skip to main content

C’è la neve, spargiamo il sale

Tempo di lettura: 3 minuti

L’ondata di neve e gelo ne ha causato un grande uso. Il 20 per cento del consumo mondiale di sale serve per eliminare il ghiaccio dalle strade: il sale consente il movimento delle persone e il trasporto delle merci, ma ha anche un effetto ambientale negativo. Il sale infatti non scompare e viene trascinato, dall’acqua liquida in cui si è sciolto, nei campi e nei fossi e fiumi circostanti

Scrive per noi

GIORGIO NEBBIA (1926-2019)
GIORGIO NEBBIA (1926-2019)
Giorgio Nebbia, scomparso all'età di 93 anni il 3 luglio 2019, è stato una delle principali figure del movimento ambientalista. Bolognese di nascita (nel 1926), è stato professore ordinario di Merceologia all’Università di Bari dal 1959 al 1995, poi professore emerito, insignito anche dottore honoris causa in Scienze economiche e sociali (Università del Molise) e in Economia e Commercio (Università di Bari; Università di Foggia). Le sue principali ricerche vertono sul ciclo delle merci, sull’energia solare, sulla dissalazione delle acque e sul problema dell’acqua. Per due legislature è stato parlamentare della Sinistra indipendente alla Camera (1983-1987) e al Senato (1987-1992). L'archivio Giorgio e Gabriella Nebbia è ospitato presso il centro di storia dell'ambiente della Fondazione Luigi Micheletti.