Dispacci dal fronte. Storie mai raccontate

AA. VV.
Dispacci dal fronte. Storie mai raccontate
Ega, 2007, 19 euro

 

Chi ama il giornalismo di guerra apprezzerà questo libro, che raccoglie dodici testimonianze – undici scritte e un reportage fotografico – di altrettanti inviati speciali della televisione e della carta stampata italiana. I nomi sono di prestigio, da Domenico Affinito, dell’agenzia Rcs, a Stella Pende di Panorama.

Gli articoli, tutti inediti, ricordano i più recenti conflitti che hanno macchiato di sangue il mondo contemporaneo: Rwanda, Libano, Iran, Afghanistan ecc.

Un testo per riflettere sull’atrocità della guerra, attraverso i mille nomi e volti delle sue vittime, e su come sia cambiato, negli anni, il mestiere dell’inviato. «Sostanzialmente, l’arrivo stabilizzato della televisione […] ha trasformato il rilievo semantico del racconto della guerra, piegandolo allo “specifico” del linguaggio televisivo, dove non conta più il comprendere, l’informazione finalizzata all’attivazione di processi cognitivi, ma conta soltanto la regola dello spettacolo», scrive nell’introduzione Mimmo Càndito, presidente della sezione italiana di Reportes Sans Frontieres.

Restano, tuttavia, spazi residui, dove il giornalismo riesce ancora a esercitare il dovere fondamentale della relazione diretta con la realtà. Le testimonianze raccolte in Dispacci dal fronte lo dimostrano.

Marika Frontino

 

Parliamone ;-)