Exercise Book Archive: il primo archivio storico che raccoglie i quaderni scolastici di tutto il mondo

Un’idea nata per gioco e diventata la più grande raccolta di testimonianze storiche dedicate alla scuola, tra calligrafie, disegni e lezioni. Una bambina del Kansas del 1900, una ragazza di Milano, sfollata per via dei bombardamenti nel febbraio del 1945, e tante altre tracce da ben 26 le nazioni di provenienza, dalla Bulgaria al Giappone, fino all’Argentina.

Una ventina d’anni fa – siamo all’incirca nell’anno 2003 – un ragazzo di nome Thomas Pololi ha cominciato un po’ per gioco un po’ per curiosità, a recuperare i vecchi quaderni di scuola di quando era bambino. La ricerca nei suoi cassetti dell’infanzia è nata grazie a una festa organizzata dagli amici, la “festa delle medie” a tema anni ‘80; Thomas avendo qualche anno in meno, voleva leggere dei temi scritti all’elementari e frugando tra i ricordi nella casa dei genitori, ha riscoperto un mondo meraviglioso. Dopo il “reading” di fronte ai compagni, la serata è stata un successo e da lì ha deciso di cominciare la sua raccolta di quaderni, chiedendo ad amici e conoscenti se avessero piacere a donare i propri, qualora ne avessero conservati.

Quaderni da tutta Italia

Il 2008 è l’anno della svolta: l’archivio comincia ad allargarsi, affiancato da un blog in cui vengono riportate le pagine più interessanti e curiose. Grazie alla  formazione di una rete sempre più numerosa, Thomas inizia a ricevere quaderni da tutta Italia e di tutte le epoche, a partire dagli anni ‘90 fino a tornare indietro nel tempo, a ridosso di fine ‘800. Quel che sembrava una semplice iniziativa nostalgica, si è trasformata via via in una bellissima collezione che coinvolge non solo persone vicine a Thomas, ma anche oltre confine. La proposta si è ampliata fino a toccare la punta di altre terre, di paesi in tutto il mondo, di gente sconosciuta che ha aderito con piacere alla collezione del ragazzo. Un’idea fanciullesca che muta in pochi anni in un’attività seria e seguita da migliaia di sguardi. Tutto viene rigorosamente digitalizzato per permetterne la visione, in alcuni casi anche sul Tumblr alla pagina Quadernini (visionabile al seguente link: https://quadernini.tumblr.com/).

E quaderni da tutto il mondo

Nel 2014 nasce l’associazione, Quaderni Aperti (http://www.quaderniaperti.it/) che organizza laboratori nelle scuole, letture, seminari e mostre dedicate. Man mano che scorre il tempo, l’archivio diventa sempre più grande, cresce senza arrestarsi e fino a oggi si possono contare numerosi esemplari raccolti in tutto il mondo – sono ben 26 le nazioni di provenienza, dalla Bulgaria al Giappone, fino all’Argentina. Attraverso una campagna di crowdfunding organizzata da Quaderni Aperti, Thomas ha cercato di raccogliere donazioni sufficienti a creare Exercise Book Archive, il primo archivio storico digitale che raccoglie temi e appunti scolastici di tutto il mondo: ciò permetterebbe di visionare tutti i quaderni raccolti finora, con tanto di didascalia, immagini, date, luogo e “mano” di provenienza.

Possiamo trovare davvero di tutto: dal bambino russo che disegna un piccolo razzo sui suoi appunti di fisica del 1970, ai primi esercizi di scrittura di una bambina del Kansas del 1900. Riporto con piacere una testimonianza scoperta nell’archivio.

Cronaca recuperata dal quaderno di una ragazza di terza media di Milano, sfollata a Seveso per via dei bombardamenti nel febbraio del 1945:

Dal giorno in cui la guerra ha distrutto o danneggiato il sessanta per cento delle case di Milano, oltraggiando anche i monumenti più cari al nostro cuore; dal giorno in cui le bombe hanno demolito quartieri caratteristici di Milano, riducendo a mucchi di macerie ricchi palazzi pieni di storia e umili case del popolo piene di vita, da quel giorno la nostalgia della nostra Milano si è fatta più acuta e dolorosa. Per le memorie di casa nostra viventi nelle strade e nelle chiese, nei nostri monumenti e nelle case di Milano, abbiamo conservato una specie di gelosia. La Milano di domani sarà più grande, più moderna, più metropoli, ma non sarà più quella che noi amiamo. Ah, Milanin, Milanon!

Exercise Book Archive è in costante divenire: chiunque voglia partecipare, donare, o semplicemente far suo un pezzo di cultura, di conoscenza, non a che da recarsi sul sito che finalmente dopo la raccolta fondi ha preso la luce, ridando vita ai ricordi di un passato che possiamo ancora assaporare. Trovate tutto al link ufficiale https://www.exercisebookarchive.org/. Buona visione, e rispolverate i vostri vecchi quaderni, chissà che non troviate un tesoro nascosto.

Parliamone ;-)