Skip to main content

Frutta biologica nei distributori automatici

| Redazione

Tempo di lettura: < 1 minuto

Frutta biologica nei distributori automatici

Da questa settimana 150 distributori automaticiFrutta snack” collocati in altrettante scuole e luoghi di lavoro saranno riforniti esclusivamente con frutta biologica allo stesso prezzo del prodotto convenzionale.

 

Da questa settimana 150 distributori automaticiFrutta snack” collocati in altrettante scuole e luoghi di lavoro saranno riforniti esclusivamente con frutta biologica allo stesso prezzo del prodotto convenzionale.

 

 

L’inserimento di vaschette pronte all’uso di macedonia di frutta e di mele fresche provenienti da agricoltura biologica che sostituiscono il prodotto da produzione integrata finora erogato. Saranno interessati da questa operazione – la prima in Italia di queste dimensioni- i distributori collocati in circa 150 tra scuole e luoghi di lavoro da Alimos- Alimenta la Salute (ex Centrale) in qualità di soggetto attuatore del progetto pilota nazionale di educazione alimentare “Frutta Snack” promosso dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dal Ministero Lavoro, Salute e Politiche sociali e del progetto “Fresh Break” promosso dalla Regione Emilia Romagna. Un altro elemento importante è il prezzo. Le vaschette di frutta biologica saranno disponibili ad un costo invariato: 1,50 € per la macedonia da 150 grammi composta da 4 -5 tipi di frutta e 1,00 € per le mele a fette di varietà Fuji. Le vaschette di macedonia di frutta fresca contengono attualmente mele, Kiwi, fragole, ananas a cui si aggiungeranno durante la stagione primaverile/estiva ciliegie, albicocche, pesche e nettarine. Le confezioni sono certificate “da agricoltura biologica” lungo tutto il processo produttivo, dalla coltivazione in campagna al confezionamento. Una scelta importante, in linea con gli obiettivi del progetto “Frutta snack” di garantire la possibilità di scelta di alimenti salutari e di educare ad una sana alimentazione. La produzione biologica permette di ampliare il messaggio educativo: riporta l’attenzione sugli effetti della naturalità dei processi produttivi sulla salute umana, e degli stessi sull’ambiente. La frutta biologica nei distributori automatici qualifica ulteriormente il progetto e va incontro alle richieste avanzate da molti insegnanti.