I parchi, un po’ meno parchi e più business

L'Italia dei parchiPiù spazio al clientelismo e procedure meno trasparenti nella nomina dei direttori dei parchi (anziché concorsi pubblici), slittamento verso una visione del parco come risorsa economica anziché di tutela della biodiversità e del territorio, compartecipazione dei parchi agli utili di attività impattanti sull’ambiente (tramite le royalites ad esempio su acqua minerali o trivelle), queste le principali critiche di WWF, Greenpeace, LIPU e altre importanti associazioni alla nuova legge (modifiche alla 394/91) approvata alla Camera il 20 giugno. Voto contrario da quasi tutte le opposizioni (Lega, Cinque stelle, Sinistra italiana), astenuta Forza Italia. Ora i critici della legge sperano in correzioni al Senato.

 

Una accurata analisi della legge, a firma Piero Mandarino, è stata pubblicata su questo sito

Scrive per noi

MARIO SALOMONE
MARIO SALOMONE
Sociologo dell'ambiente, giornalista e scrittore, Mario Salomone dirige ".eco" dalla fondazione (1989), è autore di saggi, romanzi e racconti e di numerosi articoli su quotidiani e riviste. Già professore aggregato all'Università di Bergamo, è Segretario generale della rete mondiale di educazione ambientale WEEC, che realizza ogni due anni i congressi del settore.

MARIO SALOMONE

Sociologo dell'ambiente, giornalista e scrittore, Mario Salomone dirige ".eco" dalla fondazione (1989), è autore di saggi, romanzi e racconti e di numerosi articoli su quotidiani e riviste. Già professore aggregato all'Università di Bergamo, è Segretario generale della rete mondiale di educazione ambientale WEEC, che realizza ogni due anni i congressi del settore.

MARIO SALOMONE has 46 posts and counting. See all posts by MARIO SALOMONE

Parliamone ;-)