I writers dell’ecosostenibilità

Sabato 6 novembre 2010 verrà presentata per la prima volta a Torino la tecnica dei reverse graffiti, “graffiti al contrario” che non imbrattano ma pulisco. In questa occasione, durante la rassegna Paratissima 2010, attraverso una performace/anteprima, sarà anche presentato il progetto “TO Dream Green.

“TO Dream Green” è un concorso di idee rivolto in particolare ai giovani tra 14 e i 30 anni residenti o domiciliati in Torino e provincia, che vorranno cimentarsi nella comunicazione pulita, sensibilizzando la collettività sui temi della sostenibilità.

Per partecipare è sufficiente scrivere un breve slogan, 40 caratteri al massimo, che serva ad incoraggiare i comportamenti virtuosi.La giuria sceglierà 5 frasi che saranno poi utilizzate per realizzare i reverse graffiti in 5 diverse località di Torino.

Esempio di comunicazione clean, i reverse graffiti, rientrano nel più ampio progetto “TO Dream Green” promosso da “6secondsTo”, associazione culturale formata da un gruppo di giovani torinesi attivi nel settore della comunicazione.

I graffiti, istallazioni sul manto stradale, sono realizzati in un’ottica di consapevolezza ambientale, con un forte  getto d’acqua e l’utilizzo di stencil. I riverse graffiti non prevedono sprechi di risorse (occorrono 10 l d’acqua per i riverse graffiti contro i 100 l per la cartellonistica stradale), né l’utilizzo di vernici tossiche e bombolette spray.

La tecnica, ideata dall’azienda olandese Geengraffiti ha  avuto successo a livello internazionale, soprattutto come forma di pubblicità commerciale, ma è approdata a Torino con una diversa finalità: sensibilizzare, agendo nel rispetto ambientale. I disegni e le frasi, giocando con la differenza tra pulito e sporco, infatti, veicolano messaggi  sui temi delle rigenerazione urbana, dell’educazione civica, della valorizzazione del territorio e dell’uso consapevole delle risorse.

Per info clicca qui

26/10/2010

A. R.

Parliamone ;-)