Mattarella: ecologia integrale e cultura ambientale come condizione di futuro

Ricevendo al Quirinale gli organizzatori del convegno internazionale “Nature in Mind”, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha esortato a custodire la Terra «di fronte alle minacce e alle aggressioni che subisce in maniera crescente». Una priorità irrinunciabile, ha detto, che richiede una ecologia integrale, un impegno comune da parte dell’intera società e una visione della biodiversità profonda e corretta. «L’educazione ambientale diventa così anche educazione alla legalità: un insieme di conoscenze che diventa cultura, una cultura che costituisce parte integrante della formazione più profonda di ogni cittadino e che costituisce una condizione di un futuro migliore e sostenibile».

Guarda il video dell’incontro al Quirinale

https://youtu.be/Jwue04VDNO0 – Canale della Presidenza della Repubblica Italiana Quirinale

Il Presidente Sergio Mattarella con il Gen. C.A. Teo Luzi, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, in occasione della presentazione del Convegno Internazionale, organizzato in occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità. (Foto Presidenza della Repubblica)

Nel pomeriggio del 18 maggio, il Convegno internazionale “Nature in Mind – Una nuova cultura della natura per la tutela della biodiversità”, organizzato dall’Arma dei Carabinieri, con il suo Reparto di specialità delle Unità forestali, ambientali e agroalimentari (e in collaborazione con WEEC Network), è stato presentato al Quirinale al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Era presente anche il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi. Nella delegazione, i vertici dell’Arma e del CUFAA, il gruppo di organizzazioni che hanno collaborato più strettamente al convegno (tra cui WEEC Network, rappresentato al Quirinale del segretario generale Mario Salomone) e una piccola rappresentanza di insegnanti e studenti.

Dopo l’intervento del generale Teo Luzi, comandante dell’Arma dei Carabinieri, il Presidente Mattarella ha rivolto un discorso ai presenti.

“La Terra: è qui che abitiamo”

«Desidero esprimere l’apprezzamento più grande – ha detto – per l’iniziativa di promuovere questo convegno per la tutela della biodiversità nel trentesimo anniversario della Convenzione sulla diversità biologica». «La Terra ospita la vita da miliardi di anni. È qui che abitiamo, è il nostro ambiente, è quello che vorremmo trasferire alle prossime generazioni in modo che possano vivervi, crescervi e prosperarvi con il Pianeta. Per questo abbiamo il dovere di custodirla, di preservarla di fronte alle minacce e alle aggressioni che subisce in maniera crescente la nostra Terra.

Priorità irrinunciabili: ecosistemi, cambiamenti climatici, consumo di suolo

Roma, 18 maggio 2022. Il presidente Sergio Mattarella incontra al Quirinale gli organizzatori di “Nature in Mind”. (Video Presidenza della Repubblica)

Proteggere e ove necessario ripristinare gli ecosistemi, utilizzare in modo sostenibile le risorse naturali, mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, contrastare il consumo del suolo e il degrado del territorio, fermare i processi di desertificazione, arrestare la perdita di biodiversità rappresentano priorità irrinunciabili, se vogliamo trasmettere alle nuove generazioni un mondo, così come lo abbiamo trovato, pieno di fascino e di ricchezze».

La giornata mondiale della biodiversità, ha proseguito il presidente della Repubblica, «è l’occasione per riflettere su una distribuzione più equa delle risorse naturali, promuovendo una cultura adeguata dell’ambiente.

Ecologia integrale: un obiettivo prioritario

Non è più possibile prescindere dal concetto di ecologia integrale. Si tratta di un obiettivo prioritario che richiede un impegno comune da parte dell’intera società, che è chiamata a dare il contributo proprio alle decisioni delle istituzioni, ai comportamenti nella società: devono essere orientate entrambe le dimensioni a costruire una profonda e corretta visione della biodiversità e orientate a costruire strategie che coinvolgano soprattutto i giovani affinché siano proprio loro (come lo sono sovente, per fortuna)».

Preziosa, a questo proposito, ha osservato Sergio Mattarella, l’opera di chi è chiamato ogni giorno a difendere le aree naturali.

L’educazione ambientale: una condizione di un futuro migliore e sostenibile

«L’educazione ambientale diventa così anche educazione alla legalità: un insieme di conoscenze che diventa cultura, una cultura che costituisce parte integrante della formazione più profonda di ogni cittadino e che costituisce una condizione di un futuro migliore e sostenibile».

I richiami alla ecologia integrale riassumono il senso dell’azione quotidiana dei Carabinieri forestali e «incoraggiano a continuare in questa direzione per la costruzione di una società più solidale, più inclusiva, più sostenibile». Difesa dell’ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi caratterizzano sempre più l’azione italiana, consapevole della responsabilità verso le generazioni future (come recita anche la nuova formulazione dell’art. 9 della Costituzione).

Collaborazione tra educazione ambientale e sistema educativo

Avviandosi alla conclusione del suo discorso, il presidente della Repubblica ha auspicato un contatto sempre più diretto, da un lato, con l’ambiente circostante e dall’altro «un dialogo, collaborazione tra educazione ambientale e sistema educativo, nella consapevolezza dell’importanza decisiva dei temi che sono dibattuti nel convegno», cui il presidente Mattarella ha formulato «gli auguri più intesi di buon lavoro».

I Carabinieri impegnati nell’educazione ambientale

Il generale Luzi, presentando il convegno a presidente Mattarella, aveva sottolineato come “Nature in Mind” rappresenti una occasione importante per diffondere la cultura dell’ambiente e della biodiversità. L’Arma, con l’accorpamento del Corpo forestale, ha incrementato le sue capacità operativa nella tutela del territorio e i Carabinieri forestali – ha ricordato il comandante Luzi – sono impegnati, oltre che nella difesa della legalità ambientale, anche in molteplici iniziative di educazione ambientale, specie nelle scuole di ogni ordine e grado, a fianco degli insegnanti.

LEGGI ANCHE

https://rivistaeco.it/educazione-infosfera-cultura-di-massa-e-natura-seconda-giornata-del-convegno-nature-in-mind/

Educazione, infosfera, cultura di massa e natura: la seconda giornata di Nature in Mind vede una quarta sessione volta a costruire un dialogo interdisciplinare tra gli esperti di letteratura, scienze ecologiche e cinema ambientale

https://rivistaeco.it/papa-francesco-costruire-il-villaggio-globale-della-cura-con-una-educazione-fondata-sullecologia-integrale/

Papa Francesco: costruire il “villaggio globale della cura” con una educazione fondata sull’ecologia integrale – IL TESTO INTEGRALE DEL DISCORSO DEL SANTO PADRE

Parlando ai partecipanti al convegno internazionale di educazione ambientale sulla tutela della biodiversità, ricevuti in udienza nella Sala Clementina del Palazzo Apostolico, il Papa ha esortato alla tutela della natura, incoraggiando un’educazione che evidenzi il legame fra esseri umani e ambiente. «Non dobbiamo illuderci di poter sostituire una bellezza irripetibile e non recuperabile, con un’altra creata da noi», ha detto, con una chiara allusione a chi propende per una “sostenibilità debole”.

https://rivistaeco.it/green-school-felicita-nazionale-lorda-e-democrazia-nella-quinta-sessione-di-nature-in-mind/

Green school, Felicità nazionale lorda e democrazia nella quinta sessione di Nature in Mind

Negli straordinari incontri romani a Palazzo Rospigliosi, il pomeriggio del 20 maggio è stato animato dalla quinta sessione, dal titolo “Educazione e Natura”. Speakers d’onore: l’ex Ministro dell’Istruzione del Regno del Bhutan T. S. Powdyel e David Orr, professore all’Oberlin College (USA), membri del board internazionale WEEC Network.

https://rivistaeco.it/le-quattro-centralita-delleducazione-ambientale/

Grande attenzione e vasta eco per il convegno internazionale “Nature in Mind. Una nuova cultura della natura per la tutela della biodiversità. L’educazione formale, non formale e informale di fronte alla complessità del mondo naturale” (Roma, 19 e 20 maggio 2022). Una grande pluralità di voci dall’Italia e da tutti i continenti per lavorare a “una nuova cultura della natura” come fondamenta del futuro e come guida per una rigenerazione dell’apprendimento e di sistemi formativi di ogni tipo. Quattro le centralità emerse in un evento che “è stato un evento”.

https://rivistaeco.it/facciamo-un-patto-continua-il-dialogo-per-nature-in-mind-e-leducazione/

Facciamo un patto? Continua il dialogo per “Nature in Mind” e arriva la sua grande protagonista: l’educazione

https://rivistaeco.it/leducazione-ambientale-a-nature-in-mind-un-dialogo-a-tutto-campo/

L’educazione ambientale a “Nature in Mind”: un dialogo a tutto campo.

Insieme a scienziati e ricercatori, docenti universitari, giornalisti, esponenti religiosi, attivisti ambientali, politici e amministratori pubblici dall’Italia e dall’estero, il convegno internazionale “Nature in Mind” (Roma, 19 e 20 maggio 2022), vede una larga presenza di educatori della rete mondiale WEEC. L’evento romano fa dialogare i continenti, le diverse istituzioni e parti sociali, l’educazione formale, non formale e informale e un ampio arco di discipline.

https://rivistaeco.it/al-via-il-congresso-internazionale-sulla-biodiversita/

Nature in Mind: al via tra ospiti illustri il convegno internazionale su natura, biodiversità e educazione ambientale

É iniziato nella mattinata del 19 maggio il Convegno Internazionale “Nature in Mind” organizzato dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità in collaborazione con la Rete WEEC. Numerosi i contributi portati nella direzione di un comune impegno per una nuova cultura ambientale. Su YouTube il video integrale della giornata.

https://rivistaeco.it/seconda-parte-nature-in-mind/

Salute, ambiente, scuola e best practices: ecco i temi della seconda sessione del convegno Nature in Mind

Nel pomeriggio della prima giornata di convegno Nature in Mind si è parlato di salute, ambiente, biodiversità e best practices. Lucie Sauvé: la natura è la nostra “città” ed è quindi un “oggetto politico”.

Parliamone ;-)