Skip to main content

Teatro sì, ma sostenibile

| Redazione

Tempo di lettura: < 1 minuto

Dal 10 al 19 luglio il festival internazionale del teatro in piazza.
Sant’Arcangelo di Romagna: uno dei più importanti festival teatrali europei punta sull’ambiente.
 
Santarcangelo – Festival Internazionale del Teatro in Piazza con i suoi quarantacinque anni di esistenza ha il privilegio di ricoprire il ruolo di uno degli appuntamenti nazionali e internazionali più all’avanguardia nell’ambito delle arti performative e teatrali, longevità che sottintende anche una forte capacità di rinnovamento artistico e organizzativo in funzione dei cambiamenti dei tempi che hanno accompagnato la sua lunga storia.
È, infatti, il più antico festival italiano dedicato alle arti della scena contemporanea, e uno dei più significativi appuntamenti europei nell’ambito del teatro e della danza.
Nato nel 1971, si è fondato nel segno della dimensione internazionale e del rapporto con la piazza.
 
Impegno per l’ambiente
 
Da alcuni anni Santarcangelo Festival Internazionale del Teatro in Piazza mette a disposizione pratiche sostenibili che fa conoscere al suo pubblico e alla sua comunità. Attraverso l’osservazione lo studio e l’ascolto del territorio, espande la consapevolezza che la questione ambientale e la conservazione del patrimonio naturale può e deve avvenire con il contributo di tutti.
Santarcangelo, insomma, si impegna a essere il luogo in cui la cultura teatrale dialoga e si confronta con le principali questioni che attraversano la sostenibilità di un territorio.
Abbiamo intervistato Chiara Mini, la persona che negli ultimi tre anni ha lavorato affinché tutta l’iniziativa fosse compatibile ecologicamente e sostenibile, con progetti che vanno dall’eliminazione dell’acqua in bottiglia a favore di quella pubblica, l’energia 100% derivante da fonti rinnovabili e certificata, le bici recuperate e messe a disposizione, l’utilizzo del car sharing per raggiungere il festival, il sistema di biglietteria elettronica e l’utilizzo di materiali bioplastici compostabili per il cibo.
 
Dal 10 al 19 luglio il festival internazionale del teatro in piazza.
Sant’Arcangelo di Romagna: uno dei più importanti festival teatrali europei punta sull’ambiente.
 
Santarcangelo – Festival Internazionale del Teatro in Piazza con i suoi quarantacinque anni di esistenza ha il privilegio di ricoprire il ruolo di uno degli appuntamenti nazionali e internazionali più all’avanguardia nell’ambito delle arti performative e teatrali, longevità che sottintende anche una forte capacità di rinnovamento artistico e organizzativo in funzione dei cambiamenti dei tempi che hanno accompagnato la sua lunga storia.
È, infatti, il più antico festival italiano dedicato alle arti della scena contemporanea, e uno dei più significativi appuntamenti europei nell’ambito del teatro e della danza.
Nato nel 1971, si è fondato nel segno della dimensione internazionale e del rapporto con la piazza.
 
Impegno per l’ambiente
 
Da alcuni anni Santarcangelo Festival Internazionale del Teatro in Piazza mette a disposizione pratiche sostenibili che fa conoscere al suo pubblico e alla sua comunità. Attraverso l’osservazione lo studio e l’ascolto del territorio, espande la consapevolezza che la questione ambientale e la conservazione del patrimonio naturale può e deve avvenire con il contributo di tutti.
Santarcangelo, insomma, si impegna a essere il luogo in cui la cultura teatrale dialoga e si confronta con le principali questioni che attraversano la sostenibilità di un territorio.
Abbiamo intervistato Chiara Mini, la persona che negli ultimi tre anni ha lavorato affinché tutta l’iniziativa fosse compatibile ecologicamente e sostenibile, con progetti che vanno dall’eliminazione dell’acqua in bottiglia a favore di quella pubblica, l’energia 100% derivante da fonti rinnovabili e certificata, le bici recuperate e messe a disposizione, l’utilizzo del car sharing per raggiungere il festival, il sistema di biglietteria elettronica e l’utilizzo di materiali bioplastici compostabili per il cibo.