Su Rai 3 torna Scala Mercalli. FIMA: ottimo esempio di servizio pubblico

Dopo il successo della scorsa edizione, sabato 27 febbraio torna su Rai 3 Scala Mercalli, la trasmissione dedicata all’informazione ambientale condotta da Luca Mercalli. Per la Federazione Italiana dei Media Ambientali, Scala Mercalli è un ottimo esempio di servizio pubblico che deve fare scuola. Su twitter l’hashtag per commentare in diretta è #scalamercalli.

 

Da sabato 27 febbraio, per il secondo anno consecutivo, torna su Rai Tre in prima serata Scala Mercalli, il programma dedicato all’informazione ambientale condotto e ideato da Luca Mercalli, membro del Comitato Scientifico di FIMA. Semplice e alla portata di tutti, dopo i buoni ascolti registrati con la scorsa edizione, Scala Mercalli con 6 nuove puntate metterà al centro dell’attenzione la sostenibilità ambientale, con un viaggio attraverso i grandi problemi del mondo ma soprattutto con l’occhio rivolto alle soluzioni.
«Scala Mercalli è un ottimo esempio di servizio pubblico che deve fare scuola», afferma Mario Salomone, Presidente Federazione Italiana Media Ambientali. «L’invito alla RAI è ad ampliare questi spazi e ai telespettatori a seguire una trasmissione che ha per tema la posta in gioco per tutti noi. Ogni giorno appaiono sempre più evidenti i segni della crisi ambientale e del cambiamento climatico, con il loro triste corteo di danni alla salute, di violenze e conflitti, di pesanti ricadute sulla vita sociale ed economica, in Italia e nel mondo. Tra soli pochi mesi a Marrakech si riunirà una nuova COP sul clima: l’attenzione dell’opinione pubblica e dei governanti – conclude Salomone – deve concentrarsi su misure più decise, concrete ed efficaci. La trasmissione di Luca Mercalli può aiutarci molto a farlo». 
Puntata dopo puntata, Luca Mercalli e i suoi ospiti ripercorreranno infatti grazie a documentari internazionali realizzati in esclusiva, i grandi eventi appena trascorsi: dall’Enciclica di Papa Francesco “Laudato sì” dedicata alla crisi ambientale fino alla COP21 di Parigi, la conferenza delle Nazioni Unite volta a contenere il riscaldamento globale entro i 2 gradi C da qui al 2100. La FIMA auspica che programmi come Scala Mercalli siano uno stimolo anche per gli altri media a promuovere la comunicazione ambientale, diffondendo la cultura della sostenibilità. Su Twitter, appuntamento per commentare in diretta la trasmissione con l’hashtag #scalamercalli.

Cos’è la FIMA – Federazione Italiana Media Ambientali
La Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA) è stata fondata il 24 aprile 2013 durante il “Festival internazionale del giornalismo” di Perugia. Ha lo scopo di promuovere e migliorare la comunicazione ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità, anche in collaborazione con analoghe organizzazioni di altri paesi, concorrendo in questa maniera alla tutela e valorizzazione dell’ambiente.Federazione Italiana Media Ambientali
c/o Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro Onlus
Corso Moncalieri, 18 – 10131 Torino

Telefono e fax: +39 011 4366522
info@fimaonline.it

www.fimaonline.it

Scrive per noi

Redazione
Redazione
".eco" dal 1989 è la rivista non profit italiana di riferimento per l'educazione ambientale e l'educazione sostenibile, che è la coerenza e sinergia di tutti gli aspetti dei sistemi e processi educativi: educazione sostenibile significa ecologia delle strutture fisiche, degli ordinamenti, dei contenuti, degli obiettivi e dei metodi educativi.

Redazione

".eco" dal 1989 è la rivista non profit italiana di riferimento per l'educazione ambientale e l'educazione sostenibile, che è la coerenza e sinergia di tutti gli aspetti dei sistemi e processi educativi: educazione sostenibile significa ecologia delle strutture fisiche, degli ordinamenti, dei contenuti, degli obiettivi e dei metodi educativi.

Redazione has 1781 posts and counting. See all posts by Redazione

Parliamone ;-)