Skip to main content

La fine del cibo

| Redazione

Tempo di lettura: < 1 minuto

La fine del cibo

Paul Roberts
La fine del cibo
Codice Edizioni, 2009, 28 euro

 


Se siete degli impavidi onnivori, se ciò che potete trovare in un piatto non vi spaventa, ma anzi avete fame di conoscenze e approfondimenti culinari, allora questo è il testo che fa per voi: una lucidissima, quanto documentata, analisi dei prodotti a disposizione sugli scaffali dei supermercati.

Paul Roberts
La fine del cibo
Codice Edizioni, 2009, 28 euro

 

Se siete degli impavidi onnivori, se ciò che potete trovare in un piatto non vi spaventa, ma anzi avete fame di conoscenze e approfondimenti culinari, allora questo è il testo che fa per voi: una lucidissima, quanto documentata, analisi dei prodotti a disposizione sugli scaffali dei supermercati. Il volume ripercorre, sovente anche in chiave economica, la storia delle più famose multinazionali e affronta i cambiamenti che la filosofia del cibo ha subito ricalcando i nuovi modelli sociali, dall’antico rito del pranzo familiare al junk food e alle monoporzioni dei single di oggi. Inquadra inoltre lo sfruttamento e la paradossale distribuzione delle risorse alimentari nel mondo, alla luce anche dei più recenti cambiamenti climatici e demografici. Il tono non allarmistico, ma semplicemente informativo, rende il volume adatto anche a quanti temono l’avvento di cibi OGM e delle ultime malattie alimentari. La consapevolezza è infatti l’unica arma che il consumatore possiede per poter mangiare sano e con coscienza.

Lorenza Passerone

Scrive per noi

Redazione
Redazione
".eco", rivista fondata nel 1989, è la voce storica non profit dell'educazione ambientale italiana. Intorno ad essa via via si è formata una costellazione di attività e strumenti per costruire e diffondere cultura ecologica e sostenibilità.