Skip to main content

Biodiversità e diversità nello sport

| Redazione

Tempo di lettura: 2 minuti

Biodiversità e diversità nello sport

La natura come occasione di eco-cittadinanza attiva e di interscambio culturale. Un dibattito a Barletta, anche prendendo spunto da un documentario iraniano e da “Fiume Ofanto: scrigno di biodiversità”, realizzato dalla Rete WEEC della Puglia.

(Nell’immagine di apertura, un momento dell’incontro – Foto di Giuseppe Arcieri)

Foto di Giuseppe Arcieri

Si è tenuto venerdì 10 marzo, presso la sede dell’Associazione Barletta Sportiva, l’incontro-dibattito dal titolo “Biodiversità e diversità nello sport”. Lo stesso è servito a suggellare l’alleanza esistente tra l’organizzazione sportiva ed il World Environmental Education Congress-Rete della Puglia.

Biodiversità, tutela del territorio ed attività sportive in natura: questi alcuni dei temi cardine affrontati durante la piacevole serata, condotta dal presidente della Rete WEEC Puglia, Giovanni Lamacchia.

Prendendo spunto da un piccolo documentario realizzato dalla Rete WEEC, dal titolo “Fiume Ofanto: scrigno di biodiversità”, l’uditorio è stato piacevolmente coinvolto in un vivace e libero scambio di vedute su temi legati alla tutela degli ecosistemi e alla sostenibile fruibilità degli stessi.

Dialogo e confronto tra realtà associative

Foto di Gigi Cappabianca

Ospite speciale della serata il regista Giuseppe Arcieri, presidente dell’associazione Artinte, che ha proposto la visione anche di uno splendido cortometraggio iraniano, molto significativo in tema di tutela ambientale, dal titolo “The Sprayer” (regia di Farnoosh Abedi).

Lungimiranti gli interventi di Enzo Cascella, sempre molto propenso a dar spazio ai temi dell’educazione ambientale, anche nel contesto delle attività associative della Barletta Sportiva di cui è presidente.

L’evento ha visto davvero entusiastici riscontri da parte dei partecipanti ed ha anche rappresentato un importante concreto momento di dialogo e confronto tra diverse importanti realtà associative del territorio pugliese, che con alcuni dei propri soci hanno aderito attivamente alla proficua occasione di interscambio culturale.