Niente regali alle mafie

La petizione firmata tredici anni fa dai cittadini italiani che richiedevano al Parlamento una legge per l’uso sociale dei beni confiscati alle mafie rischia di essere vana. Un recente emendamento, introdotto in Senato alla legge finanziaria, prevede la vendita dei beni confiscati.

 

Don Luigi Ciotti ha così deciso di lanciare un appello, che è possibile firmare andando sul sito di Libera, con il quale evidenzia come questa possibilità renda vani gli sforzi di coloro che in passato e oggi lottano contro le mafie.

Chi comprerà i luoghi che sono stati simbolo del potere passato di queste organizzazioni criminali? Chi appartiene a questi stessi gruppi, così che i siti comprati possano diventare anche simbolo del loro potere attuale, invece di essere utilizzati da tutti i cittadini per scopi sociali.

 

15/12/2009

 

 

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
".eco" dal 1989 è la rivista non profit italiana di riferimento per l'educazione ambientale e l'educazione sostenibile, che è la coerenza e sinergia di tutti gli aspetti dei sistemi e processi educativi: educazione sostenibile significa ecologia delle strutture fisiche, degli ordinamenti, dei contenuti, degli obiettivi e dei metodi educativi.

Redazione

".eco" dal 1989 è la rivista non profit italiana di riferimento per l'educazione ambientale e l'educazione sostenibile, che è la coerenza e sinergia di tutti gli aspetti dei sistemi e processi educativi: educazione sostenibile significa ecologia delle strutture fisiche, degli ordinamenti, dei contenuti, degli obiettivi e dei metodi educativi.

Redazione has 1781 posts and counting. See all posts by Redazione

Parliamone ;-)