Festa della mamma, ma sostenibile

Le feste, si sa, sono anche una occasione per regali, cene, viaggi e rischiano di trasformarsi in un tributo al consumismo; con un po’ di attenzione, però, possono diventare più sostenibili.

In occasione della festa della mamma, ecco alcune raccomandazioni, che valgono ovviamente tutti i giorni, ma che è bene ogni tanto ricordare.

 Andate a mangiare fuori? Scegliete un ristorante con menù a chilomentri zero. Se invece preparate il pranzo a casa, preferite materie prime locali e di stagione e cibo biologico di filiera corta.

Sempre a proposito di cibo, collaborate alla lotta contro gli sprechi alimentari: vi sarà utile dare un’occhiata a Last Minute Market.

Per i regali, potete optare tra una donazione per una campagna raccolta fondi di utilità sociale, oggetti realizzati da cooperative sociali, acquisti nelle botteghe del commercio equo-solidale.

Se state pensando a donare capi di abbigliamento, non dimenticatevi della tragedia di Dacca, il cui bilancio attuale si aggira intorno ai mille morti: attenzione alle griffe che fanno produrre maglie, camice, vestiti, scarpe nelle tante fabbriche come quella crollata in Bangladesh. Made in Bangladesh non vuole però necessariamente dire Dacca: esistono molti marchi che qui producono eticamente i loro capi, oltre a garantire un minore impatto ambientale.

Un modo di festeggiare originale e sicuramente gradito può essere quello di avviare un giardino o un orto urbano, meglio ancora se comunitario.

10 maggio 2013

]]>

eco 2

Profilo di servizio

eco 2 has 598 posts and counting. See all posts by eco 2

Parliamone ;-)