Multiculturalismo. Lotte per il riconoscimento

Jürgen Habermas, Charles Taylor
Multiculturalismo. Lotte per il riconoscimento
Feltrinelli 2008, 7 euro

Il volume, ristampa della prima edizione del 1998, raccoglie due importanti saggi sul tema del multiculturalismo. Non è però un libro di teoria filosofica, ma una riflessione su di una questione che ha ricadute mlto pratiche e attuali. In un’epoca dominata da processi di globalizzazione da un parte, e di nazionalismo e protezionismo dall’altra, non si può infatti non interrogarsi sul problema delle minoranze e dei diritti. Come si può costruire uno stato multiculturale senza stravolgere i concetti di democrazia e di diritti universali? Secondo la teoria liberale la politica deve rimanere neutrale verso le richieste di tutela delle minoranze; il filosofo canadese Taylor invece afferma che le differenze dei valori etici fanno parte del mondo e non si può pensare di omogeneizzare le diverse culture racchiudendole nel fantasma della democrazia. Tra queste due impostazioni antitetiche si inserisce Habermas, filosofo tedesco, sostenendo che la democrazia deve comunque prendere in considerazione le rivendicazioni delle minoranze interrogandosi soprattutto sul processo di assimilazione degli immigrati, tema sempre più attuale. Infatti secondo l’autore, lo Stato non può mettere in pratica un’assimilazione forzata delle minoranze, ma non deve neanche incoraggiare la nascita all’interno dei propri confini di una miriade di comunità separatistiche. Attraverso una serie di riflessioni sulla politica tedesca riguardo al diritto di asilo e sulla funzione economica rivestita dall’emigrazione europea tra il XIX e XX secolo, il filosofo tedesco indica una via per costruire uno stato veramente multiculturale in cui un immigrato non si trovi davanti al bivio: o rinunciare alle proprie tradizioni o trincerarsi dietro di esse.

Romina Anardo

Scrive per noi

Romina Anardo
Laureata in Scienze internazionali e diplomatiche con una tesi in Storia e istituzioni del mondo musulmano, dal titolo “I presupposti ideologici della rivoluzione iraniana”, lavora presso l’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro Onlus.

Romina Anardo

Laureata in Scienze internazionali e diplomatiche con una tesi in Storia e istituzioni del mondo musulmano, dal titolo “I presupposti ideologici della rivoluzione iraniana”, lavora presso l’Istituto per l’Ambiente e l’Educazione Scholé Futuro Onlus.

Romina Anardo has 30 posts and counting. See all posts by Romina Anardo

Parliamone ;-)