Né rassegnati né indifferenti. Storia e storie dell’educazione ambientale italiana

“.eco” annuncia l’uscita di un importante volume: 21 interviste a donne e uomini che hanno fatto e stanno facendo la storia dell’educazione ambientale italiana. Prefazione di Mario Tozzi. Una lettura indispensabile per ricordare ciò che si era dimenticato, per riflettere, per scoprire o riscoprire il prezioso contributo dato dall’educazione ambientale alla costruzione di un futuro migliore. Continua la “Missione 2049”.

 

La copertina di “Donne e uomini dell’educazione ambientale”

È di prossima uscita nella nostra collana Effetto farfallaDonne e uomini dell’educazione ambientale. Voci di impegno e passione”, di Elena Pagliarino, con la prefazione di Mario Tozzi. L’autrice, che fa parte della direzione di “.eco” e della Rete WEEC Italia, ha intervistato protagonisti di ogni parte di Italia. Lo annuncia il numero di giugno di “.eco”, ricco come sempre di articoli e interviste.
“Né rassegnati né indifferenti (per usare una espressione rubata all’intervista a Luca Mercalli)” (spiega il direttore di “.eco” Mario Salomone) “sono gli educatori ambientali, formali e non formali. Gente tosta, che sceglie questo ‘mestiere’ per vocazione o ci si appassiona perdutamente quando, magari per caso, ci arriva per varie strade.”

Mario Tozzi firma la prefazione del libro di Elena Pagliarino

Ne è uscita una lettura, sottolinea ancora Mario Salomone, “assolutamente indispensabile per ricordare ciò che si era dimenticato, per riflettere, per scoprire ciò che molti (ovviamente, tutte le più recenti generazioni dell’educazione ambientale) non hanno avuto occasione di conoscere o ne hanno avuto una informazione solo sommaria”.

Un testo indispensabile sia per neofiti sia per addetti ai lavori. Continua la “Missione 2049

Ma anche i cosiddetti “addetti ai lavori” vi troveranno una ricca miniera di dettagli, di valutazioni, di riferimenti bibliografici, anche di curiosità e aneddoti. “Soprattutto, ripercorreranno la storia sociale e ambientale degli ultimi decenni (che fa da necessario contesto) attraverso il vissuto di questo nutrito gruppo di donne e uomini che se non riassumono tutta la possibile gamma di situazioni e di esperienze, certo ne rappresentano un significativo spaccato.”
Continua insomma la “Missione 2049”, la missione che la rivista nata nel 1989 si è data per celebrare i suoi primi trent’anni di vita unendo la memoria all’impegno dei prossimi trent’anni per arrivare a metà secolo con una situazione migliore di quella che molti scenari fanno temere.

LEGGI TUTTO SU “.ECO” DI GIUGNO

Per leggere questo e molti altri articoli, abbonati o rinnova l’abbonamento (o la quota di adesione alla Rete WEEC) entro il 20 giugno per ricevere questo imperdibile numero.
Vai su shop.weecnetwork.it per tutte le tariffe (anche per l’estero!) e il versamento online (o con bonifico bancario).

SE FAI TRIS È MEGLIO: DODICI PUBBLICAZIONI L’ANNO CON UNA PICCOLA CIFRA

Oltre a “.eco”, la storica rivista di riferimento dell’educazione ambientale italiana, non dimenticare la testata interamente dedicata alle mille forme dell’acqua, “il Pianeta azzurro” (con il suo supplemento “Collana del faro”), e “Culture della sostenibilità”, semestrale di saggi scientifici, ricerche, studi di caso, approfondimenti.
Con l’abbonamento alle tre riviste (o la quota socio Rete WEEC) risparmi e hai complessivamente dodici pubblicazioni l’anno (in media una al mese), per un totale di centinaia di pagine di distillato puro di cultura ambientale, impegno e passione.

Parliamone ;-)