Resistenza e nonviolenza creativa, per evitare l’Armageddon

“Solo la creatività può salvare il mondo”. Corsa agli armamenti, una macabra gara il cui unico traguardo possibile è l’armageddon nucleare. Da Mimesis un saggio di Laura Tussi con prefazione di Alex Zanotelli (di cui pubblichiamo uno stralcio) sull’impegno dell’umanità nell’era nucleare.

Leggi tutto

Da Trieste un forte NO ai porti nucleari

Il Golfo di Trieste ospita, in contrasto con il Trattato di Pace, due porti nucleari di transito, Trieste in Italia e Koper-Capodistria in Slovenia. Intervista a Alessandro Capuzzo del movimento antinucleare triestino al rientro dal Nuclear Ban Week di ICAN e dalla Conferenza degli Stati Parti del Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari.

Leggi tutto

Il rischio dell’apocalisse nucleare e la via del dialogo

Intervista a Luigi Mosca, fisico delle particelle elementari, ex Direttore del Laboratoire Souterrain de Modane. Membro delle associazioni: Abolition des Armes Nucléaires e Disarmisti Esigenti.

Leggi tutto

Un trattato bandisce le armi nucleari, ma la corsa alla bomba continua

Un webinar di PeaceLink con il professor Antonino Drago ha fatto una panoramica a 360 gradi sui maggiori trattati mondiali inerenti le politiche in materia di armamenti nucleari. Laura Tussi ha tenuto una relazione con al centro il trattato ONU che proibisce le armi nucleari, entrato in vigore il 22 gennaio 2021 al termine dei 90 giorni previsti dopo la 50esima ratifica.

Leggi tutto

Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno. E l’Union of Concerned Scientist ha consegnato a Biden un appello a fermare la corsa alla guerra atomica. Si riallacciano così a una lunga tradizione di impegno di artisti e intellettuali impegnati nel movimento per la pace che nel secondo dopoguerra divenne un importante soggetto politico. Alcuni dei fondatori di questo movimento furono Picasso, Einstein, Matisse, Neruda e tra gli italiani Nenni, Vittorini, Guttuso, Quasimodo, Ginzburg, Einaudi e molti altri.

Leggi tutto

Verso Glasgow. Il bla bla bla dei governanti e il bavaglio agli attivisti

Tira brutta aria in vista della COP26 a Glasgow. Gli ecopacifisti si associano alla richiesta di giustizia climatica dei giovani di Fridays for future e attirano l’attenzione sull’impatto delle attività militari sull’ambiente e clima e sulla minaccia nucleare. Il disarmo come soluzione del problema.

Leggi tutto

Un canale video per la cultura della pace del XXI secolo

YouTube il canale “Siamo tutti Premi Nobel per la Pace con ICAN” – Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, premio Nobel per la pace 2017. Promosso dai Disarmisti esigenti, membri italiani di questa rete internazionale, nasce un canale video per supportare l’iniziativa antinucleare globale e promuovere una “Rete per l’educazione alla terrestrità”.

Leggi tutto