Passa il tempo, ma non tutti cambiano

Qualche giorno fa, intervistato dal TG3, un idiota – uno di quelli la cui madre è sempre incinta – si è vantato di essere padano e non napoletano e ha manifestato il proposito di non mangiare mai più pizze napoletane. Fatti suoi. Nessun particolare problema per me napoletano.

«È il segno dei tempi» potrebbe dire semplicisticamente qualcuno. Invece non è così. Questo episodio induce a riflettere sul fatto che questi tempi e il segno che lasciano sono sempre gli stessi. Ricordo che parecchi decenni fa (seconda metà degli anni Cinquanta) ero a Torino e un mattino, uscendo dall’albergo, vicino a un pullman turistico, c’era un gran vociare da parte di gitanti. L’ordine fu ristabilito quando l’organizzatore del gruppo urlò: «fate silenzio. Non siamo mica a Napoli»
Passa il tempo, gli idioti non cambiano. Ma quelli di Torino erano i tempi durante i quali negli annunci immobiliari si leggeva “non si affitta a meridionali”. Oggi almeno il mercato immobiliare non chiede passaporti.

Scrive per noi

UGO LEONE
UGO LEONE
Già professore ordinario di politica dell'ambiente presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Napoli "Federico II". I suoi interessi scientifici e i contenuti delle sue pubblicazioni sono incentrati prevalentemente sui problemi dell'ambiente e del Mezzogiorno. E' autore di numerosi volumi e editorialista dell'edizione napoletana del quotidiano "la Repubblica". Per molti anni è stato presidente del Parco nazionale de Vesuvio.

UGO LEONE

Già professore ordinario di politica dell'ambiente presso la Facoltà di Scienze politiche dell'Università di Napoli "Federico II". I suoi interessi scientifici e i contenuti delle sue pubblicazioni sono incentrati prevalentemente sui problemi dell'ambiente e del Mezzogiorno. E' autore di numerosi volumi e editorialista dell'edizione napoletana del quotidiano "la Repubblica". Per molti anni è stato presidente del Parco nazionale de Vesuvio.

UGO LEONE has 62 posts and counting. See all posts by UGO LEONE

Parliamone ;-)