COME CONOSCERE PER GESTIRE (MEGLIO) IL TERRITORIO, AMANDO LA TERRA CHE SI ABITA

NASCE UN CASE HISTORY NEL TORINESE. UN CORSO DI FORMAZIONE INFORMALE ALLA CITTADINANZA ATTIVA.

Leggi tutto

Parliamo di inclusione. E di cosa vuol dire per l’educazione

Il grande rimescolamento di popoli e di tradizioni impone di trovare una “base comune” e questa base comune si trova nell’idea di “umanità” specificata in diversità che possono contrapporsi oppure includersi. Dipende da noi, dai modelli educativi cui sapremo dare vita nei prossimi decenni.
Ma quali possono essere i punti di partenza, al di là degli articolati di leggi e principi che stabiliscono unicamente le finalità da perseguire? Il problema è come fare inclusione, a esempio, nel concreto dei processi di formazione.

Leggi tutto

Se trent’anni vi sembran pochi!

Il 4 febbraio 1989 nasce in Piemonte, il Coordinamento nazionale delle aree protette italiane, e oggi le prospettive di futuro non sembrano aver raccolto quella eredità.

Leggi tutto

Al via il Master Capitale naturale ed Aree protette.

Il 31 gennaio scade il termine per iscriversi al master ideato da AIDAP con l’Universita di Roma.

Leggi tutto

Le Riserve della Biosfera in Italia. Hai una cartina?

Le carte stanno all’essenza del mondo come l’anatomia del cadavere sta alla sostanza vivente del cuore. Carl Ritter (1779-1859) Scarica

Leggi tutto

Karl Marx nel XXI secolo. Un classico sempre verde?

Il 2018 ha visto, tra le varie ricorrenze, il bicentenario della nascita di Karl Marx, filosofo che conduce la critica dell’economia politica e tematizza l’emancipazione umana dalla nuova schiavitù del capitale. Molte le iniziative e le conferenze nel 2018 (tra cui un filone di filosofi marxisti che studiano i rapporti tra l’opera di Marx, l’ecologia e l’ambiente) hanno ricordato il grande pensatore del XIX secolo e discusso sulla sua attualità nel XXI secolo, che vede la ricchezza mondiale concentrata nelle mani di pochissimi, i ceti medi che stanno scomparendo e una massa di poveri, stanziali e migranti, che va aumentando, giorno dopo giorno.

Il più recente dei convegni è stato a Prato proprio su “Karl Marx nel XXI secolo”, interrogandosi su cosa è morto e cosa è ancora vivo del suo pensiero. Ne pubblichiamo un’ampia sintesi.

Leggi tutto

Meraviglie della clorofilla, base della vita

Senza la clorofilla non ci sarebbe vita: ad ogni istante, infinite piccole molecole della clorofilla, di colore verde, permettono la combinazione dell’anidride carbonica dell’aria con l’acqua dell’aria e del suolo; con l’energia luminosa del Sole si formano così le molecole che diventeranno zuccheri, amido, cellulosa, proteine, grassi, eccetera. E la fotosintesi sottrare dall’atmosfera anidride carbonica e immette ossigeno. È un lavoro formidabile che la natura sa fare così bene, senza fatica e senza macchine, semplicemente esponendo le foglie verdi alla luce e all’energia irradiati dal Sole. La struttura della molecola fu studiata da Richard Willstätter (1872-1942) che per questo ottenne il premio Nobel per la chimica nel 1915, ma fu perseguitato perché ebreo.

Leggi tutto

L’Antropocene: tutto cominciò con la polvere da sparo

Una delle scoperte che hanno contribuito a modificare l’ambiente naturale e soprattutto i rapporti umani è stata quella della polvere da sparo. Il dominio coloniale, lo sviluppo di complessi apparati militari, la crescita dei costi con conseguente importanza della finanza per pagare le spese di guerra, la ricerca e lo sviluppo tecnologico asserviti a strumenti di morte e distruzione: tutto questo, se ebbe la sua impennata decisiva con la Rivoluzione industriale del XVIII secolo, cominciò in Europa tra il 1300 e il 1400, mettendo a frutto una scoperta cinese.

Leggi tutto

Due e.ruote nei Parchi

La mobilità elettrica per conoscere la natura nelle aree protette italiane.

Leggi tutto

Parliamo di democrazia: non ci può essere se la disuguaglianza cresce

Democrazia sotto esame, con l’aiuto di pensatori di oggi e del passato. Nel mondo globalizzato non si globalizzano i diritti, lo spirito critico declina e l’aumento delle disuguaglianze vanifica la possibilità di una vera democrazia. La democrazia moderna va ripensata ed è compito della scuola creare il cittadino democratico.

Leggi tutto

Manovra economica: ecco l’alternativa che potrebbe darci un territorio sicuro e un ambiente vivibile. Come trovare e spendere 38 miliardi senza sforare il deficit

Ferve il dibattito sulla manovra del Governo. Da 46 realtà della società civile arrivano 101 proposte per una vera manovra del cambiamento da 38 milioni di euro tra entrate e uscite, senza sforare il deficit. Mentre il cambiamento climatico incalza, aggravando un endemico dissesto idrogeologico del Belpaese, il Disegno di Legge di Bilancio in discussione riserva poco o niente alle politiche di prevenzione sismica e di dissesto idrogeologico. Solo per mettere in sicurezza la Calabria, ad esempio, occorrerebbero 4 miliardi di euro. Ma tutto l’Appennino, dalla Liguria alla punta dello stivale, è coinvolto dal problema, Campania, Basilicata e Calabria in modo particolare.

Leggi tutto

La bilancia di Al-Khazini e come scoprire le frodi

Biblioteche, scuole, università, osservatori astronomici, ospedali, farmacie: l’età d’oro del mondo islamico, tra il 700 e il 1300, vide un ricca produzione culturale e rapporti commerciali che spaziavano dall’Atlantico alla Cina e richiedevano anche un sofisticato sistema di lotta alle frodi. Tra i maggiori esperti, Al-Khazini, vissuto nella capitale dell’impero selgiuchide, che usava tra l’altro una bilancia precisa al milligrammo. La conoscenza di antiche civiltà e di lingue come l’arabo, il cinese, l’hindi ci può insegnare maggiore umiltà ed evitare errori politici.

Leggi tutto

Fare economia circolare con la manioca e combattere la fame

La manioca, con cui si fa la farina di tapioca, contiene proteine in modesta concentrazione e che sono povere di amminoacidi essenziali, per cui le popolazioni che se ne nutrono sono esposte a malattie per la loro carenza. Ma molti cicli dell’industria agroalimentare generano sottoprodotti ricchi di proteine pregiate che spesso vengono eliminati, spesso come rifiuti inquinanti. Sono alcuni esempi di come da quelli che chiamiamo rifiuti, possono essere ottenute sostanze utili per la vita, nostra e altrui.

Leggi tutto

Agricoltura e ambiente. La violenta guerra contro la natura

Senza l’agricoltura, ovviamente, non potremmo vivere, ma un suino inquina come tre umani un bovino come dieci. Mentre avanzano i deserti e il clima peggiora, consumi di acqua e prodotti chimici contribuiscono al degrado ambientale. Occorre impegnarsi nella transizione verso una “terza agricoltura”, mettendo le accresciute conoscenze tecnico-scientifiche al servizio di una produzione di alimenti che soddisfi il fabbisogno umano con meno sprechi e con minore impatto sull’ambiente, recuperando il valore del lavoro in armonia con la natura. Del tema si parlerà tra conferenze alla Fondazione Micheletti di Brescia, ogni lunedì fino a febbraio.

Leggi tutto

Periplo. Merci e natura attraverso gli oceani, oggi come duemila anni fa

Il racconto di un anonimo mercante greco-egiziano di duemila anni fa, che commerciava, avanti e indietro, fra Egitto, Somalia, Arabia e India, disegna una mappa di porti, di rotte, di rapporti economici e di risorse preziose valida ancor oggi (magari le merci sono cambiate, ma il meccanismo dei rapporti è sempre uguale) e ci insegna a essere curiosi (proprio come i mercanti antichi e medievali) dei popoli e paesi e delle lingue e culture di chi oggi ci vende camicette, carbone e computer – e adesso anche aglio! -, come dei tanti cittadini stranieri che sono intorno a noi, figli delle terre bagnate dagli oceani e attraversate dai deserti d’Africa e Asia, dai quali avremmo tanto da imparare.

Leggi tutto

Baekeland: gli albori dell’età d’oro della plastica, alla ricerca di surrogati o di come usare gli scarti

“Sappi che l’avvenire è racchiuso in una sola parola, una sola: plastica”: la profezia è contenuta del film “Il laureato” del 1967. La storia del materiale che sta invadendo il mondo comincia nel 1906 con una delle tante invenzioni nate alla ricerca di surrogati di materiali diventati scarsi e costosi od osservando le proprietà di cose buttate via, rifiutate. Molti inventori, infatti, nati poveri, sono diventati persone di successo perché tenevano gli occhi aperti sul mondo circostante, che è ancora pieno di cose da scoprire, di scarti da trasformare in oggetti utili, e in occasioni di lavoro e di benessere anche personale.

Leggi tutto

L’ecologia industriale per risolvere il conflitto tra industria e ambiente

L’industria può liberare dalla miseria, assicurare lavoro e creare benessere, ma – per ineluttabili leggi termodinamiche e chimiche – inevitabilmente altera e inquina l’ambiente. Soltanto attraverso una migliore conoscenza dei processi e delle merci, delle materie prime e dei residui si possono ottenere, insieme, cicli produttivi integrati e puliti, occupazione e benessere.

Leggi tutto

È con il termometro in gradi Celsius che nasce l’Europa industriale moderna

Anders Celsius (1701-1744) inventò la scala per misurare la temperatura in gradi che un tempo chiamavamo centigradi e che ora per disposizione della UE prendo o il suo nome. Ne nacquero un intenso dibattito tra scienziati di tutta Europa e i laboratori che producevano e vendevano apparecchiature scientifiche, con effetti rivoluzionari sulla tecnica, sulle manifatture, sulla standardizzazione dei prodotti e dei processi produttivi. Si può dire, insomma, che Con Celsius, più che con altre invenzioni, nasce l’Europa industriale moderna.

Leggi tutto

Sì, ora! Dal Club di Roma un invito alla mobilitazione per creare una nuova storia

Scienziati ed economisti convenuti dai cinque continenti nella capitale il 17 e 18 ottobre per i 50 anni del Club di Roma, per mostrare a che punto è arrivato l’Antropocene e cercare nuove strade. L’invito è a mobilitarsi (“Ora!) in tutto il mondo, perché il tempo è scarso. Le minacce infatti sono gravi, ma le soluzioni sono numerose, già messe in pratica in vari casi. Invocato un “nuovo Illuminismo”, non più quello etnocentrico del XVIII secolo, ma fondato sul senso dei limiti del Pianeta, nel solco dell’insegnamento di Aurelio Peccei e del primo celebre rapporto sui limiti della crescita, e dell’appartenenza alla Terra, nostra casa comune. E su un nuovo protagonismo femminile.

Leggi tutto