Skip to main content

Un regalo verde per la scuola Antonelli: cinque piante trovano casa in occasione della giornata nazionale degli alberi

| Redazione

Tempo di lettura: 3 minuti

Un regalo verde per la scuola Antonelli: cinque piante trovano casa in occasione della giornata nazionale degli alberi

Il 22 novembre, presso l’Istituto comprensivo Marconi Antonelli di Torino, si è svolto dei molti eventi per la Giornata nazionale degli alberi. Il Comando carabinieri forestali Piemonte e con la partecipazione degli assessori cittadini, ha messo a dimora alberi autoctoni e realizzato attività educative sulle specie locali, sottolineando l’importanza della tutela ambientale secondo i principi costituzionali. La Rete WEEC ha partecipato con attività di educazione ambientale.

(Nell’immagine di apertura, i bambini della scuola guardano affascinati il documentario “Werifesteria”, dedicato agli alberi, imparando e celebrando la bellezza della vita vegetale)

Un prestito per le generazioni future 

Partecipa al Progetto “Un albero per il futuro”, metti a dimora il tuo albero con i Carabinieri della biodiversità e aiuterai a formare un grande bosco diffuso della legalità.

Il 22 novembre, presso l’Istituto comprensivo Marconi Antonelli, si è svolta una giornata dedicata all’educazione ambientale e alla celebrazione della Giornata nazionale degli alberi. L’evento, promosso  dal Comando carabinieri forestali Piemonte in collaborazione con la città di Torino , ha coinvolto attivamente la comunità locale e ha fornito un’opportunità unica di sensibilizzare i cittadini, in particolare i più giovani, sull’importanza della natura e degli alberi per il nostro pianeta e il nostro futuro.

Noi non abbiamo ereditato il mondo dai nostri padri, ma lo abbiamo avuto in prestito dai nostri figli e a loro dobbiamo restituirlo migliore di come lo abbiamo trovato.

Posticipata di un giorno per non perdere l’occasione di collegarsi in diretta al convegno nazionale “L’Albero cittadino” tenutosi a Napoli, la giornata ha visto la partecipazione attiva del Comando regionale dei carabinieri forestali Piemonte, che insieme ai bambini della scuola, ha messo a dimora cinque alberi autoctoni nel giardino dell’istituto. Questo momento ha contribuito concretamente alla crescita di nuovi alberi e ha offerto ai bambini un’esperienza pratica per comprendere l’importanza degli alberi nella nostra società e per la sopravvivenza del pianeta.

La Rete WEEC ha giocato un ruolo fondamentale nella messa a dimora degli alberi, promuovendo l’educazione ambientale e la connessione tra gli studenti e la natura

Educazione ambientale e identità degli alberi

L’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro – Rete WEEC Onlus, coinvolto nell’evento, ha partecipato non solo alla messa a dimora ma anche a attività di educazione ambientale. Ogni classe del primo ciclo ha creato un cartellone rappresentante la “carta d’identità” di un albero autoctono, mettendo in evidenza nome, caratteristiche, foto delle foglie e disegno dell’albero stesso. Alla fine della mattinata, ogni classe ha consegnato il proprio cartellone a uno degli alberi piantumati, creando un legame tangibile tra gli studenti e la natura.

Impegno della città e principi costituzionali

Gli assessori Francesco Tresso e Carlotta Salerno, rappresentanti della città di Torino, hanno preso parte all’evento, sottolineando l’impegno della città nella promozione dell’educazione ambientale e rivelando una targa dedicata al nuovo articolo 9 della Costituzione, che sottolinea l’importanza della tutela dell’ambiente come principio fondamentale della Repubblica.

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali.

L’iniziativa torinese ha offerto insomma una preziosa opportunità di apprendimento per i bambini, inviando un messaggio forte e chiaro sull’importanza della tutela dell’ambiente.

Il giorno prima alla Casa dell’ambiente era stata inaugurata la mostra fotografica sugli alberi con le foto di Tiziano Fratus sul “popolo silenzioso”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
".eco", rivista fondata nel 1989, è la voce storica non profit dell'educazione ambientale italiana. Intorno ad essa via via si è formata una costellazione di attività e strumenti per costruire e diffondere cultura ecologica e sostenibilità.