“ecoricostruzione”: un numero speciale di “.eco” sulla emergenza Coronavirus e sul dopo-pandemia. Perché la soluzione non è “tornare alla normalità”

La normalità era il vero problema: cosa abbiamo imparato, cosa cambierà in futuro, cosa dovrà cambiare. Questi alcuni dei temi del numero speciale di “.eco” sulla “Ecoricostruzione” (qui accanto la controcopertina del dossier speciale di “.eco” di giugno 2020). Con l’invito a collaborare al numero di settembre

Leggi tutto

Homo faber fortunae suae. Come il Covid-19 ci ha insegnato

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

L’uomo è artefice della propria sorte. Ogni giorno è la giornata dell’ambiente, perché se la natura è indifferente a noi, noi non possiamo essere indifferenti alla natura: ne va della sopravvivenza della nostra specie. La pandemia da Covid-19 ne è un esempio: un essere senza sistema nervoso centrale ha imposto radicali misure di comportamento a esseri ben dotati di sistema nervoso centrale.

Leggi tutto

Salute dell’umanità: possibile organizzazione formale della città sostenibile

Un nuovo contributo per il dossier coronavirus dall’educatore ambientale Giovanni Lamacchia. Riflessioni sullo sviluppo urbano sostenibile: le città sono i luoghi in cui si concentra la maggior quantità di persone, attività economiche, inquinamento e rifiuti; in cui lo sfruttamento del territorio non rispetta le potenzialità del suolo. Proprio per questo sono anche i luoghi in cui è possibile e doveroso sperimentare l’integrazione sostenibile tra ambiente, cultura, economia e società, in un processo sempre attivo per il benessere di tutti. Il primo esempio? Andare in bici!

Leggi tutto

“Dentro il cuore del virus”. Da Bergamo una riflessione sul “cosa virus” e sui limiti “sociocostruzionisti” della statistica e della medicina basata sull’evidenza

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

«Ho rischiato la morte davanti a uno specchio in cui mi guardavo non respirare». Da chi sa di cosa sta parlando, la denuncia delle polemiche e delle notizie giornalistiche (per tre quarti da buttare), del desiderio crudele di morte delle destre neoliberiste, della malattia di una vocazione umana al suicidio della specie. «Questa malattia non è la mia, è la nostra, del soggetto collettivo».

Leggi tutto

Non eravamo preparati…

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Non avremmo mai pensato che dal quel fine settimana pauroso di fine febbraio dell’anno “bisesto” iniziasse un’apocalisse globale, un’apocalisse individuale e un’apocalisse universale. Previsioni e allarmi tempestivi sono stati ignorati e la pandemia ha colto governi e opinione pubblica impreparata. Considerazioni su reale e virtuale nell’era della globalizzazione. Come cambierà la nostra modalità della socializzazione?

Leggi tutto

Coronavirus, salute e ambiente: gli educatori ne parlano in radio

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

A Bologna una radio libera ospita l’unica trasmissione realizzata e condotta da educatori, che dà voce agli operatori del mondo del sociale, agli utenti, alle famiglie e alla società civile. Intervistato Mario Salomone su futuro, pandemia e ambiente, e un sindacalista della sanità invoca: “Non chiamarmi eroe, dammi una mascherina…”.

Leggi tutto

Mattatoio N. 19

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Scene di guerra: quella dell’umanità a sé stessa e alla natura. Come in un celebre romanzo di Vonnegut, il sogno di riavvolgere la pellicola. Ma se il film non può girare all’indietro, noi possiamo girarne un altro tutto diverso in futuro.

Leggi tutto

Il ministro Costa: “Puntare su una nuova normalità”

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Il nostro modo di vivere non è più accettabile e tollerabile, afferma il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Finita l’emergenza nazionale occorre cambiare.

Leggi tutto

Percezioni e vissuti emotivi ai tempi del COVID-19: partita una ricerca

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Un gruppo di ricerca, composto da ricercatori in campo educativo, sta realizzando un’indagine conoscitiva finalizzata allo studio delle percezioni e dei vissuti emotivi sul COVID-19. Un questionario online per rispondere.

Leggi tutto

Attivi per l’ambiente, anche restando a casa

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Informarsi, formarsi, formare, ma anche continuare a mobilitarsi per il clima. Anche “restando a casa” è possibile continuare a occuparsi di ambiente, perché i grandi temi del riscaldamento globale, del disastro ecologico e della conversione verso societàverdi rimane, anche se l’inquinamento e le emissioni momentaneamente calcano per il generale rallentamento di produuzione e trasporti.

Leggi tutto

Emergenza Coronavirus. Il nostro sito al servizio di un ambiente più sano e sicuro

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Pandemia da Covid-19: siamo impegnati a offrire dati e commenti sull’emergenza, con un focus sugli aspetti sociali e sul rapporto tra ambiente e salute, che è cruciale anche nel caso della crisi dovuta al nuovo Coronavirus. Gli accessi al sito e i motori di ricerca confermano l’importanza di questo sforzo straordinario.

Leggi tutto

Coronavirus: le armi non fanno rima con salute e ambiente. E non parliamo di “guerra” all’epidemia

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

“No arsenali, sì ospedali”, una petizione online, promossa da Disarmisti esigenti, WILPF Italia, ICAN e molte personalità per la conversione del sistema militare anche per sostenere le spese sanitarie urgenti e per finanziare il Green New Deal. La conversione ecologica comincia anche dal disarmo, compreso quello del linguaggio: non usiamo la parola “guerra” per il contrasto all’epidemia da Coronavirus.

Leggi tutto

Estinzioni e rigoglio evolutivo

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

La sesta estinzione è il prodotto dei nostri disumani comportamenti. L’uscita dal Coronavirus deve tener conto anche di questo.

Leggi tutto

I bambini non sono uguali davanti all’emergenza. Per chi è in condizioni di svantaggio la situazione peggiorerà

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

I lunghi mesi di chiusura delle scuole aggraveranno la povertà educativa e i sostituti digitali, di per sé insufficienti, valgono meno per chi è in condizioni di svantaggio, socioeconomico o psicofisico. Materiali per affrontare meglio la sfida della “scuola a casa”. Ad esempio, imparando a vigilare sulle “fake news”.

Leggi tutto

Attenti ai pipistrelli, ma anche alle bufale (e ai virologi)

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Tra “10 motivi per essere ottimisti” del patologo Guido Silvestri, la conferma che non c’è nessuna macchinazione dietro la pandemia. Attenti ai cialtroni, dice il medico italiano emigrato negli Usa. Ma non tutto fa ben sperare.

Leggi tutto

“Non andrà tutto bene”. Se non cambiamo paradigma

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

C’è una correlazione tra picchi di inquinamento e diffusione del Coronavirus. Farmaci, vaccini, sussidi servono nell’emergenza, ma la risposta vera deve guardare più in là, andare alle cause che provocano questa e altre minacce per la salute dell’intera umanità.

Leggi tutto

Tamburi di guerra, mentre scatta il coprifuoco

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Vari interrogativi aleggiano nell’aria, rarefatta dall’emergenza. Ecco i più diffusi, tra vicinanze e distanza, tra iperconnessione e isolamento.

Leggi tutto

Riflessioni sul “dopo”. Guardare al futuro: quanto sarà di resilienza e quanto di adattamento?

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Lezioni da trarre. Rotture da coltivare. Scenari nuovi da costruire. Si dovrà scegliere se tornare al modo di vita precedente o modificarlo adattandolo ai risultati che ha avuto su ciascuno un’esperienza mai vissuta con queste caratteristiche, vedendo anche la parte di bicchiere se non mezzo pieno, almeno un po’ pieno. La riflessione di Ugo Leone.

Leggi tutto

“Stare a casa”. In compagnia dell’inquinamento elettromagnetico. Sette consigli per difendersi

Con l’isolamento forzato dovuto alla pandemia di Covid-19 si resta molto più tempo nelle case, che sono ambienti saturi di elettrosmog. Sette consigli per ridurre i rischi (stress ossidativo, danni al DNA, cancro; alterazione della barriera emato-encefalica, del sistema immunitario, del sistema riproduttivo; malattie neurodegenerative precoci).

Leggi tutto