Fare il pieno di buone notizie con “.eco” di giugno

Senza dimenticare le ombre, nel numero di giugno 2023 di “.eco” proposte, esperienze, percorsi didattici, segnalazioni e contributi teorici per rinnovare l’educazione formale e non formale (nei metodi e negli spazi), per riqualificare i territori, per trovare ispirazione in libri classici e libri nuovi. Due articoli riassumono tutte le criticità dell’ipotetico ponte sullo stretto di Messina.

(Nell’immagine di apertura, volti e profili di chi ha collaborato al numero di giugno 2023)

In copertina, un messaggio eloquente: gli orsi ci piacciono e vogliamo vivere in pace con loro. Nell’interno, in un numero che cresce di pagine, “.eco” di giugno 2023 presenta un ricco panorama di contributi che toccano vari aspetti dell’educazione formale e non formale.

Si tratta di questioni controverse (come il dossier sul “mitico” ponte sullo stretto tra Sicilia e Calabria), di classici da rileggere con lo sguardo e le preoccupazioni dell’oggi (Calvino e Scotellaro) o di testi che offrono un contributo innovativo sul cibo per antonomasia (il grano) e sul cibo animale (come il romanzo poetico e politico, realista e romantico, capace di emozionare e far riflettere, di Joseph Ponthus).

Ma questa è solo una parte, come si è detto, di un numero ricco di contributi su tendenze e iniziative emergenti nel campo dell’educazione.

Un bisogno di novità

Il sommario del numero di giugno 2023 di “.eco”

Il “Tema” centrale è dedicato – così come quello del precedente numero – a “cosa c’è di nuovo”: di novità c’’è bisogno perché, come sottolineano con motivati accenti critici alcuni articoli, le ombre comunque non mancano. Tra i segnali positivi e i lampi di luce, progetti e metodi partecipativi di riqualificazione degli spazi scolastici, delle città e dei territori, riflessioni pedagogiche, percorsi didattici.

Maria Antonietta Quadrelli, ad esempio, presenta la prima parte di un articolato percorso sui fiumi, “vene della terra”, Leonardo Marotta affronta il tema del rischio.

E, come sempre, aprono il numero le belle foto di Roberto Besana, commentate da Nello Rossi.

Come fai se “.eco” non ce l’hai?

Per ricevere il numero di “.eco” di giugno 2023 bisogna abbonarsi, o rinnovare l’abbonamento ENTRO IL 24 MAGGIO, con carta di credito sullo shop o con bonifico bancario. L’abbonamento comprende anche la rivista specializzata “il Pianeta azzurro” e i fascicoli della Collana del faro, dedicati alle forme dell’acqua.

Oppure è possibile associarsi alla Rete WEEC. La tessera della rete dà diritto anche alla rivista scientifica “Culture della sostenibilità” e a riduzioni sulle quote di partecipazione alle scuole residenziali WEEC e ad altre attività.

RICHIESTA DI COPIE SAGGIO

Chi non conosce le pubblicazioni italiane della rete mondiale di educazione e cultura ambientale WEEC può richiedere una copia saggio, senza impegno, inviando i propri dati completi a amministrazione@schole.it o tramite WhatsApp al numero 392 614 3113

Scrive per noi

Redazione
Redazione
".eco" dal 1989 è la rivista non profit italiana di riferimento per l'educazione ambientale e l'educazione sostenibile, che è la coerenza e sinergia di tutti gli aspetti dei sistemi e processi educativi: educazione sostenibile significa ecologia delle strutture fisiche, degli ordinamenti, dei contenuti, degli obiettivi e dei metodi educativi.

Redazione

".eco" dal 1989 è la rivista non profit italiana di riferimento per l'educazione ambientale e l'educazione sostenibile, che è la coerenza e sinergia di tutti gli aspetti dei sistemi e processi educativi: educazione sostenibile significa ecologia delle strutture fisiche, degli ordinamenti, dei contenuti, degli obiettivi e dei metodi educativi.

Redazione has 1770 posts and counting. See all posts by Redazione

Parliamone ;-)