Generazioni invisibili… a rischio di futuro e di anonimia

“.eco” e la Rete WEEC sono impegnate per il rinnovamento del sistema educativo. Per partecipare scrivere a redazione@rivistaeco.it

“Certamente la competenza tecnica è essenziale per svolgere qualsiasi professione, compresa quella educativa, ma non basta per abitare con sensatezza il mondo dell’educazione”[i] (L. Mortari). Ci vogliono, diceva Paulo Freire, rigore metodologico, capacità di ricerca, rispetto degli alunni, spirito critico, gusto estetico ed etico, coerenza, coraggio di rischiare e tanto altro ancora.

[i] Luigina Mortari, Apprendere dall’esperienza, Roma 2003, p.19.

Leggi tutto

Cambiare è difficile, non cambiare è fatale

“.eco” e la Rete WEEC sono impegnate per il rinnovamento del sistema educativo. Per partecipare scrivere a redazione@rivistaeco.it

I paesi che usciranno meglio dalla crisi saranno quelli che nelle loro agende daranno un posto prioritario alla scuola. Occorre riflettere, adattare, ridefinire i tempi, gli spazi e le metodologie, cambiare in relazione al sistema che cambia. Il cambiamento fa dell’insegnare il mestiere più bello del mondo.

Leggi tutto

Scuola, dalla maschera di Carnevale alla mascherina anticovid

“.eco” e la Rete WEEC sono impegnate per il rinnovamento del sistema educativo. Per partecipare scrivere a redazione@rivistaeco.it

Una insegnante racconta la sua esperienza di didattica distanza. Ostacoli tecnici e la difficoltà di trovare comunque un rapporto con gli allievi e una didattica che non fosse solo trasmissione di contenuti. Perché tutorial e video non potranno mai sostituire gli insegnanti e la scuola.

Leggi tutto

DaD, DDI oggi. E domani? Qual è la scuola di domani?

“.eco” e la Rete WEEC sono impegnate per il rinnovamento del sistema educativo. Per partecipare scrivere a redazione@rivistaeco.it

La pandemia ha drammaticamente posto in risalto annose criticità della scuola italiana. Occorre un progetto e ogni modalità didattica, vecchia o nuova che sia, DaD o DDI dovrà riferirsi a saldi principi pedagogici. Ricerca, sperimentazione, monitoraggio sono necessarie anche per la didattica distanza, che come spiega un recente libro, se fatta bene può servire e divertire.

Leggi tutto

L’educazione sostenibile per ripensare il sistema di istruzione

“.eco” e la Rete WEEC sono impegnate per il rinnovamento del sistema educativo. Per partecipare scrivere a redazione@rivistaeco.it

Il grido di dolore di studenti, docenti, famiglie, presi tra l’incudine di una didattica a distanza forzata, improvvisata e faticosa e il martello della chiusura delle aule. Un report delle prime discussioni del tavolo di lavoro che abbiamo creato per rilanciare il dibattito sul rinnovamento del sistema educativo. È il momento di ripensare davvero metodi, finalità, strutture, ordinamenti. All’insegna di una “educazione sostenibile”: didattica a distanza e didattica in presenza si cambiano insieme. Al tavolo c’è posto: benvenute e benvenuti.

Leggi tutto

StelvioLAB, le “gite scolastiche virtuali” al Parco nazionale dello Stelvio

Il Parco Nazionale dello Stelvio trentino e l’Azienda per il Turismo della Val di Sole hanno ideato una serie di videolezioni di didattica ambientale a distanza destinate agli studenti delle scuole, che potranno anche pubblicare online i propri elaborati. Un format didattico digitale per restare in contatto anche in epoca di lockdown. E la possibilità di partecipare a un concorso finale, con in palio una gita “in presenza” in Val di Sole per tutta la classe.

Leggi tutto

Il mal di scuola non è responsabilità solo della pandemia

La chiusura delle scuole da nove mesi rappresenta un buco incolmabile nel percorso formativo di un soggetto in età di apprendimento. La politica non ha avuto il coraggio (e l’intelligenza) di promuovere la rivisitazione di programmi e metodi, ma le colpe ricadono anche su addetti ai lavori, gli stessi fruitori dei servizi e una società votata all’egoismo.

Leggi tutto

Se diventa rassicurante non andare a scuola

“A che serve avere le mani pulite se poi si tengono in tasca?”, diceva don Milani. Di fronte al disastro educativo, siamo tutti chiamati a progettare e difendere il futuro. Una pandemia depressiva che si aggiunge alla pandemia, il fallimento di una nuova didattica calata in modalità vecchie, la crescita delle dispersione scolastica e dell’esercito di quanti “disimparano”: chi si assume la responsabilità di correggere la situazione?

Leggi tutto

Un tavolo di lavoro istituzionale per la scuola che verrà

Studentesse protestano contro la DAD di fronte a una scuola di Torino

Quale futuro ci attende? Quanto ci importa realmente di costruirne uno sufficientemente buono? Pensando ai posteri, sapendo che è il presente a disegnare il futuro di cui siamo responsabili. Negli anni ’70 del secolo scorso Lorenzo Milani, Mario Lodi, Gianni Rodari, Danilo Dolci tentarono un rinnovamento. E oggi? Un invito a esperti dell’educazione e della formazione, maestri, dirigenti scolastici, psicologi dell’educazione per iniziare a gettare i semi della scuola che verrà.

Leggi tutto

La Dad non è la panacea ma aiuta a meglio motivare

La pandemia contribuisce a negare ai giovani il diritto all’apprendimento, aggravando la frattura tra i pochi che sanno ed i molti che non sanno. E la scuola crea disagio: agli studenti come agli insegnanti. La Dad – pratica emergenziale e non sostitutiva di quella in presenza – allora può e deve diventare occasione di un recupero della motivazione e della finalità di un progetto educativo.

Leggi tutto

Fare scuola ai tempi del Covid: risposte e reazioni dei ragazzi alle difficoltà della didattica a distanza

Fatica e stress, ma anche valori riscoperti. Un questionario sulla didattica a distanza ci racconta i disagi degli studenti e la speranza di tornare presto insieme. Arriva da parte loro un grande messaggio di umanità e una lezione di vita.

Leggi tutto

Ripensare l’educazione per ripensare noi stessi

Questo numero propone una riflessione sull’educazione, tema complesso e particolarmente sentito in questo periodo di emergenza. La quarantena ci ha costretti a ripensare le modalità educative dello spazio scolastico ma non solo, investigando nuovi strumenti e linguaggi, e a riesaminare la visione di noi stessi e dell’ambiente in cui viviamo.

Leggi tutto

Scuola, Didattica a distanza, pandemia e…valutazione degli alunni

Le riflessioni dell’esperta di pedagogia Luisa Piarulli sul mondo della didattica. Ogni crisi permette un’opportunità di cambiamento, ma questo deve essere reale, stimolato e non dettato dall’emergenza. Formazione globale degli studenti in ottica bio-psico-sociale, etica della valutazione e “cum-divisione” concreta: ecco alcuni tra gli aspetti da tenere in considerazione per ripartire dopo la DAD.

Leggi tutto

Percezioni e vissuti emotivi ai tempi del COVID-19: partita una ricerca

Vedi anche il dossier e il dibattito su questo sito

Un gruppo di ricerca, composto da ricercatori in campo educativo, sta realizzando un’indagine conoscitiva finalizzata allo studio delle percezioni e dei vissuti emotivi sul COVID-19. Un questionario online per rispondere.

Leggi tutto