Hatshepsut, la faraona merceologa a capo di un impero globalizzato

Ispiratrice di romanzi popolari, bella e misteriosa, governò a lungo un impero che aveva realizzato una globalizzazione di merci e manodopera. Nel suo tempio mortuario di Deir el-Bahari Hatshepsut fece scolpire un bassorilievo che descrive le merci acquistate in paese lontani e le strade del commercio, lasciandoci così un vero e proprio trattatello di merceologia. Purtroppo di tutto questo mondo, che deve essere stato vivacissimo, abbiamo soltanto rare tracce e i documenti disponibili in genere non sono stati “letti” con adeguata curiosità commerciale e merceologica

Leggi tutto

Cowboy o astronauti? Praterie sconfinate o una piccola navicella spaziale? Kenneth Boulding, padre dell’economia ambientale

L’ecologia studia i rapporti tra tutti gli esseri e il loro ambiente, da un piccolo stagno all’intero pianeta Terra. Kenneth Boulding (un quacchero, seguace di una “chiesa” basata sull’austerità, sulla nonviolenza, sul rifiuto delle armi e della guerra) introdusse l’ecologia nella economia. Dobbiamo comportarci con l’attenzione dell’astronauta, diceva, perché, in fondo, la Terra non è che una piccola navicella spaziale nello spazio. dell’Universo. A distanza di tanti anni, la navicella Terra è sempre più sgangherata e impoverita

Leggi tutto

Un telefonino fatto di sangue e minerali rari e pregiati, come il coltan. Forse allora anche il silenzio è d’oro

La produzione, l’uso e lo smaltimento dei telefoni cellulari hanno un grande impatto ambientale e sociale. Materie prime preziose, elettricità, rifiuti da smaltire, manodopera sfruttata, conflitti, danni alla salute: anche gesti banali e comuni innescano processi di modificazione dell’ambiente che ricadono poi sempre sulla vita umana. Chissà che anche nel caso dei telefonini non vada riscoperta la virtù dello star zitti

Leggi tutto

Una grande fonte di energia rinnovabile: l’energia umana

Trasformiamo il cibo in energia che ci consente di fare un lavoro muscolare, che per gli abitanti della Terra corrisponde a circa un terzo del consumo mondiale di elettricità. La maggior parte serve per muoversi e compiere vari gesti quotidiani, ma è sostanzialmente “perduta” dal punto di vista economico

Leggi tutto

Merci e natura: non è il denaro, ma la materia alla base dell’economia

Il PIL non misura veramente cosa accade in concreto. Il denaro che attraversa un’economia è solo una frazione del reale benessere di un popolo. Nulla sfugge, invece, a una contabilità che misuri della massa dei materiali che “attraversano” un’economia: non ammette evasioni, o frodi. È il PIML, il “prodotto interno materiale lordo”

Leggi tutto

Ricchi e poveri. L’ingiustizia sociale anche di fronte all’ambiente

Il lavoro trasforma le materie naturali in tante cose materiali che servono a soddisfare i bisogni umani: cibo, acqua, abitazione, aria pulita, di salute, informazione e istruzione, mobilità, dignità e libertà, eccetera. La politica dovrebbe assicurare tutto questo. Ma alla fine della circolazione natura-merci-natura i campi risultano meno fertili, le risorse meno abbondanti, le acque e l’aria più inquinate e il peggioramento della qualità dell’ambiente riguarda molto diversamente le diverse classi sociali e i diversi paesi. Ne nascono conflitti e contraddizioni che possono essere affrontati cercando soluzioni alternative, processi innovativi, collaborazione e solidarietà

Leggi tutto

Il costo in acqua delle merci

Tutto arriva dalla natura, dopo un cammino in genere molto lungo. E una parte delle materie entrate in ciclo ritorna nei corpi riceventi naturali – acqua, suolo, aria – sotto forma di scorie e rifiuti. Qual è ad esempio il costo in acqua per ottenere una tonnellata di patate, di carne o di acciaio o per lavare cinque chili di bucato? Come avere beni essenziali e sviluppo economico con minore violenza verso la natura

Leggi tutto

Jay Forrester, i destini dell’umanità studiati con l’analisi dei sistemi

Ricorre il centenario della nascita dello scienziato le cui ricerche furono alla base del rapporto al Club di Roma sui Limiti della crescita. Nato in un paesino agricolo del Nebraska, laureato in ingegneria nel MIT, era arrivato a scoprire l’analisi dei sistemi dopo una lunga carriera scientifica

Leggi tutto

Limiti, incertezze, errori del PIL. La vera ricchezza richiede altri indicatori

La contabilità ambientale è il più utile strumento di politica economica per un paese moderno. Ci vuole un “PIL verde” che aumenta soltanto se diminuisce la contaminazione dell’aria, delle acque, del suolo, se aumenta la salute, cioè se un paese è più attento alla difesa della natura e dell’ambiente. O il “Prodotto Interno Materiale Lordo” che in Italia corrisponde a circa 800 milioni di tonnellate l’anno, duecento volte a testa il peso di ogni italiano

Leggi tutto

Polveri e salute. L’inquinamento di cui si parla e quello cui fare attenzione

Ci preoccupiamo giustamente delle polveri che escono da tubi di scappamento, camini industriali, cementifici, acciaierie, centrali termoelettriche… Ma intorno a noi ci sono molti prodotti commerciali sotto forma di polveri che possono arrecare danno, pur non essendo tossici. E le innovazioni tecniche generano polveri sempre più fini

Leggi tutto

Statistiche e ambiente: Leontief, il grande pioniere

Si è sempre considerato un russo e insieme un americano. Un vero colosso della cultura mondiale, non solo economica, da conoscere meglio

Leggi tutto

La scienza biomimetica: i successi di una nuova scienza

Specie molto recente nella scala dell’evoluzione, gli esseri umani non hanno ancora imparato come trarre il meglio dalla natura, come hanno fatto invece milioni di specie di vegetali e animali nel corso di decine di milioni di anni. Eppure molti fenomeni naturali, opportunamente compresi e copiati, consentirebbero di ottenere nuovi prodotti utili e d’interesse commerciale.

Leggi tutto

Fibre “naturali”, una risorsa da riscoprire innovando

Una migliore utilizzazione delle fibre note esistenti e la resurrezione di coltivazioni scomparse come via per indumenti e accessori all’insegna dell’ecologia e dello sviluppo umano dei paesi più poveri. E anche la moda può dare una mano

Leggi tutto

A cinquant’anni dalla “Populorum progressio”

Nel 1967 papa Paolo VI nella Enciclica “Populorum progressio” denunciava il “malaugurato” sistema che mette al centro il profitto come motore essenziale del progresso economico. Le sue analisi dei grandi problemi mondiali sono rimaste attualissime.

Leggi tutto

1799, apre la premiata ditta Bossi

Il racconto mensile di Giorgio Nebbia: la nascita dell’industria chimica italiana, nella Milano di fine XVIII secolo. E, con lei, della protesta popolare e della lotta contro l’inquinamento

Leggi tutto

Tecnologie intermedie: il primo passo verso una vita migliore

Inviare ai paesi poveri gli stessi macchinari che usiamo noi è spesso un fallimento: occorrono tecnologie semplici e appropriate che non contribuiscono alla crescita finanziaria e hanno come fine “soltanto” il benessere dei più poveri. Come spiegavano Gandhi e Schumacher
Leggi tutto

La casa: c’è un gran lavoro da fare per renderla sostenibile

Sedi privilegiate del consumo, dalle case (ce ne sono 40 milioni in Italia) si può partire per una città più razionale e pulita.
Ma c’è ancora molto da fare per ingegneri, architetti, chimici, ecologi, merceologi e inventori

Leggi tutto

Noterelle di economia circolare

Un nome recente per un fenomeno con una lunga storia, anche di inquinamento. È il cloro la prima merce ottenuta dai rifiuti. Storia poco nota dei primi tentativi di economia circolare

Leggi tutto

Storia naturale della mucca

Quanto “pesano” il miliardo e mezzo di bovini che abitano la Terra? La complessa “filiera” – spesso triste e dolorosa – dei preziosi doni di un animale che tendiamo a vedere solo come una macchina produttiva, i suoi pericolosi rifiuti e i modi per ridurli. E i generosi movimenti vegetariani e vegani che si battono per sottrarre la mucca al suo destino di “bestia” economica

Leggi tutto